Eccellenza! SMED! Cosa?!?!

Rubo la frase dall’amico Franco Fantuzzi, quando spiegando l’eccellenza la definisce come il fare una cosa non in modo perfetto ma con la  massima efficacia.

La perfezione è un pensiero , è una propensione , è la volontà di fare sempre meglio e forse non esiste.

L’eccellenza invece esiste e si misura, è la capacità di fare le cose al meglio e farle sempre meglio, misurandole!

Ho messo la foto del pit stop in Formula 1 nel 2004, quello che comprendeva anche il rifornimento, 12 persone coordinate tra di loro per mettere la vettura nelle migliori condizioni in una manciata di secondi , sembrava la perfezione eppure no.

Nico_Rosberg-Australian_GP-2014-PitStop

L’eliminazione del rifornimento ha fatto sì che il vincolo dato dai 7 -8 secondi necessari a pompare ad alta pressione il carburante nel serbatioi venissero meno e  di conseguenza l’asticella si è alzata.

Il match è passato alla velocità di cambio dei pneumatici, e siamo passati da 8 secondi a 2,5!

Com’è possibile?

Rispondo con un acronimo SMED 

http://www.staufen.it/it/academy/seminari/detail/smed-single-minute-exchange-of-die.html

SMED (Single Minute Exchange of Dies) è uno strumento che si integra totalmente all’interno della Lean Manufacturing, nasce dall’esigenza necessaria di  portare al minimo i tempi di set up interni ed esterni di una macchina.

Il fine di questo processo è quello di avere un Quick Changeover (QCO) , ovvero di poter passare in modo veloce da una produzione all’altra nello stesso impianto. Ridurre i tempi significa eliminare una componente fondamentale che non da’ valore aggiunto al prodotto finito: i tempi morti di attrezzaggio macchina. Nello specifico è una “tensione” di riduzione ai tempi di fermo effettivi che, con l’utilizzo di questo strumento, sono inferiori ai 10 minuti.eliminando la necessità di regolazioni su attrezzature, strumenti, macchine e impianti.

Una produzione diversificata con lotti di dimensioni ridotte, alla base del JIT, ha infatti lo svantaggio che non appena un’operazione inizia a prendere slancio, la produzione deve passare ad un nuovo diverso lotto ed ad un nuovo set-up. Con l’utilizzo dello SMED lo switch tra un lotto ridotto e un altro non rappresenta un problema, con la necessaria conseguenza di poter produrre Just in Time e contribuendo a creare e sostenere nel tempo un sistema pull.

SMED-steps

I Risultati

I risultati dovuti all’applicazione dello SMED si possono riassumere nei seguenti punti:

1)Maggiore flessibilità
2)Tempi di attrezzaggio/set up ridottissimi
3)Maggiore produttività in tempi inferiori
4)Maggiore soddisfazione del cliente
5)Assenza di eccessi di produzione
6)Migliore organizzazione del lavoro per gli operatori

Ecco, abbiamo fatto un primo step di LEAN MANUFACTURING

Visto, non è difficile è come quando si guarda il gran premio in tv…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...