Grazie!

Un ringraziamento a tutte le persone presenti ieri sera, e’ stata una serata divertente e ricca di spunti.

Un grazie a Franco per aver scritto un libro che arricchisce realmente ed alla sua disponibilità a farsi “provocare”

Un grazie a Giuseppina per essere stata anima di questa idea nata sotto il sole ( poco) di agosto

Un grazie a Fausto , che se non avesse pubblicato il libro, non sarei stato qui’ a scrivere

A presto in un altra data , un altra città….

Paolo

Reshoring le isituzioni iniziano a vederlo

Di seguito il discorso del presidente di Unindustria (http://www.unindustria.bo.it/home ),

Alberto  Vacchi

 

«A Bologna abbiamo testimonianze credibili di un fenomeno ben più complesso del come back. Centinaia di milioni di euro di nuovi investimenti concentrati nella Provincia bolognese — ha commentato Vacchi —. Qui c’è prossimità ai principali fattori si successo, le persone con le loro capacità e la loro cultura, le lavorazioni in fornitura, il saper collaborare all’interno della filiera. Mi auguro che le istituzioni, le burocrazie, i sindacati, noi mondo dell’industria, senza fare sconti a nessuno, renderemo il nostro contesto ospitale a chi ha avuto il coraggio di investire».

 

Un prezioso imprimatur all’argomento ma anche un doveroso segnale d’allarme

 

Ne parleremo…

 

I’ve got the Apple watch preview!

Yesterday, like many I was following the presentation of the new products Apple (http://www.apple.com)

shortly before the beginning of the presentation Apple informed hiring Marc Newson, (http://www.marc-newson.com/Default.aspx)

Guru of the design of the watches and wham!

I lead the archive of photographic products Newson and I decided to post a round Ikepod  model, mindful of technical drawings recorded long ago by Apple.

Shortly after Tim Cook unveils new super gadget and … and is rectangular!

below the pictures that explain everything.

Apple watch

 

 

applewatch

 

Marc Newson model

 

 

 

solaris-watch-002IMG_1400

Avevo in anteprima l’Apple watch!

Ieri, come molti stavo seguendo la presentazione dei nuovi prodotti Apple ( http://www.apple.com)

Una velina infida di Apple comunicava l’assunzione di Marc Newson ,(http://www.marc-newson.com/Default.aspx)

Guru del design degli orologi e zac!

mi piombo sull’archivio fotografico dei prodotti di Newson e  decido di postare un suo modello tondo ikepod, memore dei disegni tecnici registrati tempo fa da Apple.

Poco dopo Tim Cook svela il nuovo super gadget e… e’ rettangolare!

sotto le immagini che spiegano il tutto.

Apple watch

applewatch

Marc Newson Solaris ( cassa, bracciale mood analoghi)

solaris-watch-002

ed io ho postato questo Marc newson Ikepod, Todo!!!!!!

IMG_1400

passare dal prezzo al costo per arrivare al ricavo

http://www.bbc.com/news/business-20983620

unemployment

Leggiamo insieme questo articolo della BBC, ci dice ad inizio 2013 che qualcosa sta accadendo, le aziende americane, sia per senso di patrai (!) sia per opportunità economica iniziano a riportare le produzioni in USA.

Oggi, il fenomeno si sta consolidando e sta dando una mano significativa all’incremento del tasso di occupazione negli USA.

Cosa significa, significa lavora re sui costi e non sui prezzi, significa capire che se pago un dipendente apparentemente di più in realtà questo costo genera un ricavo dato da competenza , efficacia ed efficienza.

Ne parleremo ancora

Big Bang in eyewear!

the eyewear World sees the group Kering (www.kering.com, Gucci, YSL, Puma) to start his own production and distribution of eyewear

http://corrieredelveneto.corriere.it/belluno/notizie/economia/2014/3-settembre-2014/pinault-si-riprende-licenze-bomba-nell-occhialeria-23061762641.shtml

The news came on Wednesday night, with a note of Kering, in which the French luxury giant led by François Pinault announced the start of the project to bring in home designing and selling its own brands so far licensed.
This information allows us to see an aspect of the world of luxury goods, as widespread as little known, the production and sale of licensed

If one produces bags and clothes start producing glasses can be complicated and expensive, so who has the expertise bears the cost of production and distribution, with all the commercial risks involved, and grants the licensee a fee of around 15%.

There are cases of licenses the production, distribution as well as geographically which take load of entire markets, we have a classic case  in Japan, Korea and China, where many brands deliver directly to distributors rather than letting produce its own brand, with product lines that can be developed directly from the distributor all for a payment of a fee in respect of turnover.

grace-kelly-hermc3a8sborse-louis-vuitton-autunno-inverno-2013-2014

 

The economic model of distribution, in the meantime has evolved following the approach of top brands such as LVMH (www.lvmh.com) rather than Hermes (www.hermes.com) based on a retail model (ie ownership of single-brand stores ), a model that offers the following competitive elements:

  • maximum level of supply control, image, customer approach
  • margin maximization, not having to pass through intermediaries
  • can do without the sales campaign in showrooms, with a lead of at least 1 month in the placement of the product in stores
  • Here, regardless of the “revenge” of the former CEO of Safilo, the point is that 350 million of revenue that make only 50 million fee, generating the desire not to give the edge to third parties.

it is also clear that there is invented manufacturers of spectacles, that the structure should be created that will cost and above all, irrespective of its distribution network , you will have to deal with the fact that the major glasses selling networks are in hand the producers themselves.

It will be a good challenge …

Rush un film e dire io c’ero

IMG_0027.PNG
Curioso , stasera su Sky trasmettono Rush, il film di Ron Howard sul campionato di Formula 1 del 1976

Avevo. 9 anni ma i ricordi sono ritornati vividi, nel 1975 mio padre mi aveva portato a Monza a vedere il GP, quale emozione sentire rombo dei motori, vedere la Ferrari del mio idolo Niki Lauda!

Così iniziò la passione che ancora oggi porto con me che ho trasmesso ai miei figli, vedere un pilota sfrecciare più veloce , sapendo unire talento a tecnologia.

Così iniziò una passione che mi portava a rispondere a chi mi chiedeva cosa volessi far da grande ” Lavorerò alla Ferrari!”

Così ho avuto il privilegio di essere un manager della casa del cavallino rampante nel lustro di massimo successo di Schumy!

Ma senza Niki senza la sua macchina rossa e bianca , nulla ci sarebbe stato

Ricordo ancora l’incidente al Nürburgring , ero in villeggiatura, non c’era la telecronaca, le notizie erano incerte ed in prima battuta infauste .
Vedere Niki ricomparire a Monza fu veramente un trionfo della volontà della forza dell’uomo.

Ho già visto il film, mi ha commosso nel suo essere una foto in cui i piloti erano realmente gladiatori che rischiavano la pelle ogni volta che salivano in macchina.
Howard ha intelligentemente romanzato la sfida tra Lauda ed Hunt creando un rapporto di odio amore cavalleresco e descrivendo quella sana follia che segnava la gente della formula uno del tempo.

Non voglio dire che allora fossero meglio di oggi, no , le macchine erano veramente assurde i circuiti pure,ma lo spessore umano era altissimo.

Grazie Niki, Grazie Ron